33.530 euro di debito a testa

03.05.2013 19:00

 

Il neonato governo Letta deve tentare di far ripartire l’economia, ma si trova ad avere a che fare con un compagno di viaggio assai ingombrante: il debito pubblico. Sapete a quanto ammonta oggi questo debito che abbiamo tutti noi italiani? All’incirca a due bilioni di euro. Sì, avete letto bene, due “bilioni”, non due “milioni”. Esattamente 2.041.000.000.000 euro.

Se questo numero non vi basta, ce n’è un altro che forse vi farà capire meglio la situazione: voi che state leggendo questo articolo, avete dei debiti da pagare? Bollette non saldate, conti lasciati indietro, prestiti fatti da amici da restituire... Non avete nulla? Pensate di non avere debiti? Bene, allora mettetevi il cuore in pace, perchè tutti noi italiani, anche il bimbo nato un minuto fa, abbiamo un debito di circa 33.530 euro a testa: è la fetta di debito pro capite. Il debito pubblico, infatti, è di tutti, perchè l’Italia si è indebitata per pagare gli stipendi ai dipendenti pubblici, per costruire opere che hanno fatto lavorare i privati, per pagare le casse integrazioni, per dare il servizio sanitario a ciascuno di noi, per darci le scuole, per pagare il petrolio con cui accendere i lampioni per strada... Certo, si è sprecata una marea di denaro (per esempio lo scandalo delle baby pensioni), ma adesso non possiamo fingere che il debito sia degli altri: è tutto nostro, 33mila euro a testa, e dobbiamo solo augurarci che il nuovo governo riesca a far ripartire l’economia senza far aumentare tale debito. Se no sarebbe come far andare una barca a vela accendendo un ventilatore dal ponte.

 

Piero Uboldi

 

vai agli altri editoriali