Francesco, Papa

15.03.2013 13:49

Mercoledì sera alle 19,06 è stata annunciata l’elezione del nuovo Papa, il Cardinale di Buenos Aires Jorge Mario Bergoglio, che ha preso il nome di Francesco °. Prepariamoci a un pontificato di grossi cambiamenti, lo si è capito subito dal nome che il Cardinal Bergoglio ha scelto, Francesco. Mai nessun Papa nella storia aveva osato tanto, mai nessun Papa ha preso il nome di Francesco, il nome del Santo dei poveri, il nome del Santo degli animali, il nome del Santo della letizia nell’umiltà.

Noi non siamo “vaticanisti” e non spetta a noi lanciarci in dissertazioni e dietrologie, ma noi viviamo in mezzo al popolo, quel popolo che Francesco  ha più volte menzionato mercoledì quando ha rivolto le prime parole in piazza San Pietro. E il popolo è felice per questa scelta fatta dal conclave. In un periodo di crisi come quello attuale è importante sentire di aver vicino un Papa che sa bene cosa sono crisi e povertà, un Papa che, ne siamo certi, guiderà la Chiesa verso la carità e la fratellanza, un Papa che porta nel suo stesso nome quel messaggio di pace, ecologismo e solidarietà che hanno fatto di San Francesco il primo e più moderno tra tutti i Santi. Ne siamo felici, perchè la nostra società oggi ha bisogno di umiltà, ma anche di quel coraggio invincibile che fece del poverello di Assisi un Grande della Terra.

 

Piero Uboldi

(pubblicato il 15.3.2013)

 

vai agli altri editoriali