La musica italiana

15.02.2013 08:43

 

In questi giorni, a parte le dimissioni del Papa, gli italiani sono concentrati più sul Festival di Sanremo che sulle elezioni. E non è poi un male: la musica è per l'Italia un importante biglietto da visita e un business d'esportazione non indifferente. La musica italiana, che vi piaccia o no, è infatti tra le più apprezzate al mondo. Non ai livelli di quella anglo-americana, però può sicuramente ambire al secondo posto come notorietà. Ma vi siete mai chiesti quali cantanti italiani siano i più conosciuti all'estero? Le nostre star attuali sono i vari Vasco Rossi e Ligabue, ma credete davvero che siano queste le star della musica italiana all'estero? Non è così. All'estero ben pochi sanno chi siano Vasco Rossi e Ligabue. I nomi italiani amati fuori dai nostri confini sono altri: se vogliamo citare quelli più recenti, sono Tiziano Ferro, Andrea Bocelli, Eros Ramazzotti, Laura Pausini; se vogliamo citare nomi più datati ma tuttora amati oltre confine, sono I ricchi e i poveri, Toto Cutugno, Al Bano...
Ma la musica italiana all'estero ha due cantanti leggendari, che hanno senza dubbio contribuito ad arricchire in tutti i sensi il nostro Paese. Il secondo come notorietà è Adriano Celentano, che ha perfino dato il nome a un'immensa catena di pizzerie. Ma il primo e sommo rappresentante della musica italiana all'estero, celeberrimo in Giappone come in Russia e negli Usa, è Luciano Pavarotti, immortale portabandiera della musica operistica italica, la più amata al mondo. Peccato che questa musica sia ignorata, non studiata o addirittura disprezzata dalla "sapiente" Italia.

 

Piero Uboldi

(pubblicato su il notiziario del 15.2.13)

 

vai agli altri editoriali