A Mombello un nuovo ospedale psichiatrico giudiziario

 Troverà posto a Limbiate, sulla collina di Mombello, nell'area dell'ex Ospedale   Antonini, la nuova struttura psichiatrica giudiziaria della Regione Lombardia, che dovrà sostituire l'Ospedale psichiatrico giudiziario di Casiglione delle Stiviere. Un passaggio che, secondo la legge nazionale 9/2012 avrebbe dovuto completarsi entro il 31 marzo scorso ma che, ovviamente, è ancora in alto mare per tutti e 6 gli ospedali psichiatici giudiziari attualmente operativi in Italia per accogliere soggetti colpevoli di reati ma giudicati incapaci di intendere e di volere o comunque bisognosi di cure. La direzione indicata è quella di andare a sostituire i grossi centri con strutture medio-piccole: per Limbiate si discute di un progetto per 40 posti, realizzati all'interno dei padiglioni Ronzoni e Forlanini, situati al confine Sud Est del complesso dell'ex manicomio, parallelamente alla via Garibaldi, da dove avrebbero l'accesso. Regione Lombardia ha già effettuato uno studio di massima per questo trasferimento. Nella relazione, pubblicata su “Lombardia Notizie” (organo di stampa ufficiale della Regione) del 16 maggio scorso si evidenzia che le due strutture sono circondate da area verde e piante di alto fusto che renderebbero agevole sia l'installazione del cantiere sia la successiva recinzione.

Il piano è contenuto nella delibera di giunta regionale X/122 del 14 maggio scorso e prevede investimenti complessivi per 33.642.381 euro, di cui 32milioni finanziati direttamente dal Ministero della Salute, per il superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari, secondo quanto previsto dalla Legge 9/2012. In particolare per la Regione Lombardia  il piano prevede la realizzazione di 12 nuove strutture da 20 posti letto ciascuna. Due di queste verranno realizzate all'interno del parco dell'ex Ospedale psichiatrico Antonini.   L'investimento stabilito dalla delibera di giunta per i due padiglioni di Mombello ammonta a  5.625.157 euro. Ad annunciare l'avvio del percorso che dovrà portare all'adeguamento delle strutture individuate entro il 31 marzo2014 (nuovo termine fissato dalla legge nazionale, dopo il superamento della scadenza del 31 marzo scorso) è stato l'assessore regionale alla Sanità, Mario Mantovani.

 

Pubblicato il 25.5.2013