I cavi della tramvia vanno a ruba Bollatese in manette per furto

Erano specializzati nel furto dei cavi di rame, ma sono stati presi dai Carabinieri. Il duo ha iniziato a operare qualche mese fa lungo il binario della Milano-Desio. La direttrice da tempo dismessa ha fatto gola ai malviventi che hanno iniziato a smantellarla pezzo dopo pezzo. In orario notturno arrivavano nei pressi della massicciata armati di tronchesini e forbici. Uno faceva da palo mentre l’altro raggiungeva con una scala il filo dell’alta tensione, in cui un tempo passava la corrente per alimentare i convogli di Atm. Indistintamente operavano in tutti i tratti della linea, con particolare interesse a quelli più isolati. E’ il caso di Calderara sul confine tra Paderno e Cusano e anche in quest’ultima in via Sormani sono ben visibili i segni lasciati dai loro raid. I resti dei cavi penzolanti dalla catenaria sono ancora visibili in molti punti, nonostante i tecnici di Atm siano poi intervenuti per le verifiche del caso. Lunedì mattina, la squadra specializzata nel furto di rame è stata sorpresa in azione lungo la tramvia nel tratto di Nova Milanese. Qui, i Carabinieri li hanno sorpresi alle prime luci dell’alba e ai loro polsi sono scattate le manette. Si tratta di un 41enne di Milano e un quarantenne di Bollate, con loro avevano anche gli attrezzi del mestiere e un buon quantitativo di ‘oro rosso’ recuperato precedentemente. Nonostante sia in servizio, anche la Milano-Limbiate è finita nel mirino dei ladri di rame, sabato mattina ignoti hanno iniziato a smantellare la catenaria all’altezza di Cormano. Il furto ha mandato in tilt la linea tramviaria che costeggia la Comasina per le prime ore della giornata. Per ripristinare i cavi tagliati è stato necessario l’intervento di Atm e per la durata delle operazioni il servizio è stato svolto tra Milano e Varedo con autobus, mentre tra il deposito varedese e il capolinea di Limbiate la circolazione tramviaria è rimasta regolare.


Simone Carcano

 

Pubblicato il 6 luglio 2013