Paderno, svaligiata la chiesa Rubati 7mila euro dell'oratorio

Ladri in azione  nella chiesa del Vllaggio Ambrosiano. I malviventi non si sono fermati neanche davanti a tale luogo sacro. Nella notte tra lunedì e martedì ignoti si sono introdotti nella parrocchia Santa famiglia di via Tripoli. I malviventi hanno agito a colpo sicuro, infatti una volta penetrato l’ingresso hanno da subito puntato unicamente all’ufficio del parroco. In quei momenti don Renato Rebuzzini si trovava all’interno della casa parrocchiale. I rumori provocati dagli ignoti ladri hanno fatto svegliare di soprassalto il prete che si è affacciato alle finestre che guardano la chiesa e la strada. L’uomo è stato notato da due persone che in quei momenti si trovavano lungo via Tripoli e che, spacciandosi per Carabinieri in borghese, lo hanno assicurato non stesse accadendo nulla. Così, il duo malavitoso ha avuto tutto il tempo necessario per forzare la porta dell’ufficio parrocchiale e rovistare nei cassetti. Nella ricerca, hanno notato una cassaforte a muro che hanno tentato di aprire utilizzando attrezzi da scasso. Dopo un minuzioso lavoro, la cassetta di sicurezza si è aperta, offrendo ai malviventi l’intero contenuto. Si aggira a circa sette mila euro, il valore delle banconote che il prete aveva riposto dentro. Il denaro proveniva dalle quote di iscrizione dei bambini all’oratorio feriale e serviva per finanziare una gita. Inoltre, mancano all’appello anche un bancomat e un assegno proveniente dal Comune. La scoperta del furto è stata fatta la mattina successiva dallo stesso don Rebuzzini, a cui non è restato altro che contattare i Carabinieri per sporgere denuncia. Solo una settimana fa, lo stesso oratorio era finito nel mirino dei malviventi. In quel caso, il furto ha assunto le tinte di una bravata di ladruncoli in erba. Infatti la refurtiva era più che altro gelati e patatine sottratti dal punto ristorazione dell’Usva. Un danno decisamente inferiore rispetto a quello di inizio settimana.


Simone Carcano

 

Pubblicato il 6 luglio 2013