Vandalismi e guasti, falsa partenza per la Saronno-Seregno

Vandalismi e guasti, falsa partenza per la Saronno-Seregno

Doveva essere la prima giornata di servizio lungo la Saronno-Seregno, ma già dalle prime ore la circolazione è stata sospesa. All'origine ci sarebbero dei problemi alla linea elettrica nel tratto di competenza di RFI poco prima della stazione seregnese. I convogli hanno subìto forti danneggiamenti al pantografo, l'elemento che in contatto con i fili dell'alta tensione alimenta i treni. Già dalle 8, gli S9 provenienti da Albairate sono stati soppressi lungo la nuova linea e i primi convogli della giornata sono rimasti bloccati fino a 4 ore lungo i 15 chilometri di binari tra Saronno e Seregno. A fine mattinata sono tre i treni danneggiati. Non solo guasti, ma anche vandalismi. Nella scorsa notte, le stazioni sono state graffitate pesantemente da ignoti. Il fabbricato viaggiatori di Ceriano Laghetto è stato deturpato da scritte e graffiti così come la cartellonistica e arredo della fermata nel Parco delle Groane. Non è stata risparmiata neanche quella di Cesano Maderno. Secondo indiscrezioni, i responsabili sarebbero stati fermati e identificati. E' rimasta sospesa per tutta la mattinata di domenica la circolazione ferroviaria, che è stata in parte sostituita con autobus. Resta l'amaro in bocca alle decine di persone che già dalle prime ore attendevano sulle banchine delle stazioni l'arrivo dei primi convogli.

 


Argomento: Vandalismi e guasti, falsa partenza per la Saronno-Seregno

Data: 10.12.2012

Autore: alessandra

Oggetto: chi condannare?

Trovo assurdo che quattro graffiti possano fermare la circolazione dei treni. Cosa centra in questo caso il guasto al treno con l'azione dei "vandali"?
I veri vandali sono altri, quelli che ti assicurano una partenza e si mettono invece a giocare a monopoli.
Trenord non si smentisce. Pessimi. Come sempre.

Data: 10.12.2012

Autore: gian

Oggetto: R: chi condannare?

cosa ne vuoi capire di circolazione treni, se rispondi così, senza saperne le motivazioni vere, fatti visitare da uno bravo...!!!

Data: 10.12.2012

Autore: simone

Oggetto: R: chi condannare?

Alessandra, rileggi il pezzo e capirai cosa ha provocato concretamente i ritardi. Sei in grado?

Data: 09.12.2012

Autore: Alessio

Oggetto: Basta sopportare

Si è ora di finirla , tutto questo vandalismo va punito . Se li avessi visti io all'opera non so se mi sarei trattenuto di dare una bella lezione a questi incivili .

Data: 09.12.2012

Autore: Vincenzo

Oggetto: Punizione

Una volta identificati i responsabili, se essi minorenni le rispettive famiglie acquisteranno il necessario al ripristino delle infrastrutture (sapone, etc etc) ed i ragazzi ci metteranno la loro manodopera volontaria, se maggiorenni utilizzeranno la loro giornata a ripulire dai graffiti. In ogni caso, non limiterei la punizione solo a questo ma la protrarrei nel tempo per almeno un anno (pulizia WC stazioni, marciapiedi, .....)

Data: 09.12.2012

Autore: Arturo

Oggetto: Presentare un conto salato

Propongo che, alle famiglie dei " giovani baldi",( presumo tali)
sia presentato un conto salato! sPoichè solo toccando nel portafoglio i loro genitori ,avranno da loro stessi una giusta punizione!!! saluti
p.s
la mia completa e più sentita solidarietà alle Ferrovie Nord .

Data: 09.12.2012

Autore: Franco

Oggetto: Campi di rieducazione civica

Bisogna finirla con il buonismo; chi danneggia la proprità pubblica va internato in appositi centri di rieducazione civica (se vi piace chiamateli pure gulag o lager) perchè nulla più di una robusta dose di lavoro coatto può correggere comportamenti incivili.

Data: 09.12.2012

Autore: Giovanni da Solaro

Oggetto: Punizioni esemplari

Auspico che i responsabili, identificati, siano rapidamente condannati a ripristinare muri, cartelli e oggetti imbrattati con il loro lavoro e con l'acquisto dei materiali da parte di mamma e papà

Data: 09.12.2012

Autore: giuseppe da ceriano laghetto

Oggetto: R: Punizioni esemplari

Chiunque abbia compiuto un gesto così stupido dovrà ripagarlo con il lavoro e a proprie spese.

Nuovo commento